CERCA NEL DATABASE

Scopri la cultura del glorioso popolo Klingon

Il 23° secolo

Dic 22, 2021 | Storia

Nel 2223, le relazioni Klingon-Federazione si erano degradate al punto che entrambe le potenze erano in uno stato di costante ostilità incessante.
Sebbene gli incontri con la Federazione fossero molto rari dalla metà del 22° secolo, includevano un “incursione terroristica” klingon su Doctari Alpha nel 2236, così come l’inconcludente battaglia di Donatu V nel 2245.
Poiché non c’era quasi nessuna comunicazione tra le due parti durante questo periodo, quasi nessuno nella Federazione vide un Klingon fino al 2256. (ENT: “In a Mirror, Darkly, Part II”; DIS: “The Vulcan Hello”; TOS: “The Trouble with Tribbles”; Star Trek VI: The Undiscovered Country)

Negli anni 2230, i Klingon si dedicarono alla ricerca sui viaggi nel tempo.
La Sezione 31 della Flotta Stellare venne a conoscenza di questa ricerca e temeva che i Klingon avrebbero usato il viaggio nel tempo per spazzare via l’Umanità prima ancora che si evolvesse.
Come parte di una “corsa agli armamenti temporali”, la Sezione 31 avviò il Progetto Daedalus per sviluppare le proprie capacità di viaggio nel tempo e si peocurò un cristallo temporale Klingon sul mercato nero. Il cristallo del tempo è stato portato a Doctari Alpha per la ricerca. Tuttavia, i Klingon riuscirono a rintracciarlo, provocando il suddetto attacco all’avamposto. (DIS: “The Red Angel”, “Perpetual Infinity”)

2256 – quadranti Alpha e Beta

A partire dal 2256, le ventiquattro Grandi Casate Klingon erano in guerra l’una contro l’altra, poiché l’Impero è stato allo sbando per generazioni.
Tuttavia, in quell’anno, T’Kuvma, un Klingon di nobile eredità ma non membro dell’Alto Consiglio, iniziò con successo una Guerra Federazione-Klingon provocando – e venendo martirizzato – nella Battaglia delle Stelle Binarie.
Sotto il credo “rimanere Klingon”, T’Kuvma, in quanto primo Klingon dopo Kahless, riuscì così a riunire l’Impero in una causa comune poiché aveva dipinto la Federazione come una minaccia esistenziale, il cui spazio si era avvicinato in modo inaccettabile a quello del Klingon. (DIS: “Battle at the Binary Stars”)

Fino a quando la sua nave non fu distrutta, la guerra portò il generale Kol della Casa di Kor ai vertici dell’Alto Consiglio, in parte grazie alla diffusione dei primi sistemi di occultamento. (DIS: “Choose Your Pain”, “Lethe”)
Dopo la morte di Kol, l’Impero di nuovo rimase senza una chiara leadership; ciò non pose fine alla guerra, tuttavia, poiché le varie Grandi Casate cercarono separatamente di infliggere più danni possibili agli obiettivi della Federazione, inclusa la distruzione di un’intera colonia, la cattura della Base Stellare 1 e gli attacchi agli ospedali e ai convogli di cibo. (DIS: “The War Without, The War Within”)

Cancelliere L’Rell

La guerra si concluse nel 2257, quando la Flotta Stellare ricorse disperatamente ad un assalto diretto a Qo’noS dopo aver perso un terzo delle sue navi e il 20% del territorio della Federazione era sotto il controllo Klingon.
Senza ordini ufficiali, il comandante dell’assalto ha piazzato un’idrobomba all’interno del sistema vulcanico sotterraneo di Qo’noS. Tuttavia, il detonatore fu infine consegnato a L’Rell, uno dei primi seguaci di T’Kuvma, che lo usò per prendere il potere sull’Impero e continuare il lavoro del suo ex mentore di unire le Grandi Casate. (DIS: “Will You Take My Hand?”)
La guerra fu poi conclusa da un accordo di pace a Parigi sulla Terra e L’Rell divenne l’Alto Cancelliere. (DIS: “Brother”)

Come Cancelliere, L’Rell tentò di unificare ulteriormente l’Impero sviluppando un nuovo tipo di nave da guerra, la classe D7, da usare in tutta la Flotta Imperiale Klingon, sostituendo vari modelli usati dalle Grandi Casate.
L’opposizione alla sua nomina a Cancelliere rimase, tuttavia, e il tedoforo di L’Rell, Ash Tyler, avvertì la Federazione che l’insurrezione poteva essere in fermento nell’Alto Consiglio e che, se L’Rell fosse caduta, sarebbe caduta anche la pace.
Alla fine, Kol-Sha della Casa di Kor scoprì un punto debole di L’Rell, trovando suo figlio, e si mosse per subentrare al suo posto.
La Sezione 31 è intervenuta per fermare Kol-Sha e ha aiutato L’Rell a consolidare il potere aiutando a fingere la morte sia del suo tedoforo che del figlio. (DIS: “Point of Light”)
L’Rell in seguito permise a Christopher Pike di recarsi su Boreth e acquisire un cristallo del tempo dai monaci. (DIS: “Through the Valley of Shadows”)
Per volere di Tyler, L’Rell accettò anche di fornire navi per una battaglia contro una flotta della Sezione 31 comandata da Controllo e guidò personalmente una nave durante il combattimento. (DIS: “Such Sweet Sorrow, Part 2”)

Una fragile pace

Nonostante questa piccola cooperazione, i rapporti tra la Federazione e l’Impero rimasero tesi.
Nel 2267, i negoziati si interruppero ed entrambe le parti dichiararono guerra. Di nuovo, i Klingon lanciarono un’offensiva immediata, conquistando diversi pianeti, incluso il pianeta Organia, strategicamente importante.
Inaspettatamente, questa nuova Guerra Federazione-Klingon fu portata a una conclusione improvvisa pochi giorni dopo l’inizio, quando intervennero gli Organiani, esseri incorporei che avevano osservato di nascosto sia i Klingon che gli Umani più di cento anni prima.
Rendendo inoperanti tutte le armi, forzarono la fine di tutte le ostilità e un rappresentante Organiano apparve simultaneamente davanti ai Klingon e ai leader della Federazione su Qo’noS e sulla Terra, rispettivamente. Fu quindi imposto il Trattato di Organia, stabilendo una zona neutrale che separava le due potenze e istituendo una procedura, a cura degli Organiani, attraverso la quale i pianeti lungo il confine potevano essere rivendicati e risolti da entrambe le parti. (ENT: “Observer Effect”; TOS: “Errand of Mercy”, “The Trouble with Tribbles”; DS9: “Apocalypse Rising”)

Nonostante il Trattato di Organia, nel decennio successivo si verificarono una serie di scontri, sebbene di portata limitata, tra i Klingon e la Federazione.
Questi includevano incontri ostili a Capella IV, il Delta Triangle, Neural, Elas e Beta XII-A, nonché dispute sul pianeta di Sherman e sul settore di Archanis, entrambi alla fine ceduti alla Federazione.
Nella maggior parte di questi scontri, i Klingon cercarono di ottenere un vantaggio strategico e/o assicurarsi i diritti di estrazione di minerali preziosi, come il dilitio e la topalina, spesso manipolando le popolazioni indigene. (TOS: “Friday’s Child”, “The Trouble with Tribbles”, “A Private Little War”, “Elaan of Troyius”, “Day of the Dove”; TAS: “More Tribbles, More Troubles”, “The Time Trap” )

Un certo rilassamento nelle loro relazioni si manifestò con l’abbandono formale da parte dell’Impero Klingon della sua pretesa sul settore Archanis alla Federazione intorno al 2272, le tensioni tra i due però raggiunsero nuovamente l’apice negli anni 2280, con la rivelazione del segreto Progetto Genesis.
Sebbene fosse stato concepito come un programma scientifico per lo sviluppo di un metodo avanzato per la rapida terraformazione dei mondi, poteva anche essere usato come arma di distruzione di massa.
Mentre l’Impero Klingon stava negoziando apertamente con la Federazione, un Bird-of-Prey sotto il comando del Comandante Kruge tentò di ottenere segretamente i segreti del Pianeta Genesis. I Klingon avevano pianificato di accusare la Federazione di doppiezza nello sviluppo di Genesis come arma di incredibile potere e nell’usare i negoziati come copertura. (Star Trek III: The Search for Spock; DS9: “Broken Link”)

L’Ambasciatore Klingon chiede l’estradizione di Kirk

Tuttavia, quando l’equipaggio della USS Enterprise, comandato da James T. Kirk, riuscì a catturare il Bird-of-Prey, l’ambasciatore Klingon invocò vendetta contro Kirk nel 2286, giurando: “Non ci sarà pace finché Kirk vivrà!” (Star Trek IV: The Voyage Home)

A causa di questo, così come della precedente storia di Kirk con l’Impero Klingon, alcuni Klingon lo consideravano una figura venerata e un degno avversario.
Nel 2287, il Comandante Klaa approfittò di una situazione con ostaggi su Nimbus III che coinvolse l'”Armata Galattica di Luce”, che catturò il rappresentante Klingon locale Generale Korrd, così come i suoi colleghi umani e Romulani, St. John Talbot e Caithlin Dar, per estorcere l’accesso a un’astronave.
In cerca di battaglia con Kirk, la USS Enterprise successivamente requisita fu immediatamente inseguita dal Bird-of-Prey di Klaa fino a Qui’Tu oltre la Grande Barriera al centro della galassia. Tuttavia, il generale Korrd, che era a bordo dell’Enterprise, impedì a Klaa di continuare la sua impresa personale e la crisi fu infine risolta da un’insolita cooperazione tra la nave Klingon e l’Enterprise. (Star Trek V: The Final Frontier)

Nel 2290, il capitano dell’IKS T’Ong aveva ancora l’ordine permanente di sparare su tutte le navi stellari della Federazione. (TNG: “The Emissary”)

Eventi discontinui

In data stellare 4326.3, i predoni di Orione attaccarono gli avamposti strategici Klingon nel settore di Shepard.
In quello che in seguito divenne noto come l’incidente di Feira, le forze di pattuglia Klingon sotto il comando di Korrd non furono in grado di fermare gli Orioniani, facendo cadere Korrd in disgrazia presso l’Alto Consiglio. (Star Trek V: The Final Frontier)

Nel 2271, Kor guidò l’Impero Klingon in una memorabile vittoria sull’Impero Romulano nella Battaglia di Klach D’kel Brakt. (DS9: “Blood Oath”)
Nel 2292, Romulani e Klingon si consideravano l’un l’altro “nemici di sangue”. (TNG: “Reunion”)

In due occasioni negli anni 2270 e 2280, le navi Klingon furono vittime di sonde spaziali di origine inizialmente sconosciuta, che alla fine si rivelarono essere legate alla Terra.
Negli anni 2270, l’entità V’ger ha combattuto e neutralizzato tre incrociatori di classe K’t’inga mentre un’altra misteriosa sonda ha disabilitato due navi Klingon nel 2286. (Star Trek: The Motion Picture; Star Trek IV: The Voyage Home)

Un famigerato criminale chiamato “L’Albino” lanciò numerose incursioni contro le colonie Klingon, spingendo l’Impero a inviare tre incrociatori da battaglia sotto i comandi di Kor, Kang e Koloth per catturarlo nel 2290. Sebbene le sue incursioni fossero state fermate, l’Albino non fu catturato e presto si vendicò contro i tre comandanti uccidendo i loro figli primogeniti. (DS9: “Blood Oath”)

Nel 2297, fu una spedizione Klingon a stabilire il primo contatto con i Ventaxiani. Gli artigiani Klingon assunti hanno continuato a costruire case su Ventax II. (TNG: “Devil’s Due”)

Una pace duratura

Sebbene i negoziati fossero andati avanti a intermittenza dall’imposizione del Trattato di pace organiano nel 2267, non furono fatti grandi progressi nello stabilire relazioni solide tra i Klingon e la Federazione.
Nello stesso anno, si verificò un breve ma fallimentare disgelo nelle relazioni tra la Federazione, l’Impero Klingon e l’Impero Romulano, con la fondazione di una colonia gestita congiuntamente su Nimbus III.
Soprannominata il “pianeta della pace galattica”, la colonia divenne rapidamente un imbarazzante fallimento per tutti e tre i governi, sebbene incontri regolari si tennero nella colonia almeno per i successivi vent’anni. (Star Trek V: The Final Frontier)

Iniziative più efficaci, d’altra parte, furono una serie di negoziati nella colonia di Korvat nel 2289, dove il mediatore della Federazione Curzon Dax incontrò Kang. Nessun accordo solido è stato raggiunto in questo incontro, ma Dax è riuscito a guadagnarsi il riluttante rispetto dei Klingon e a stabilire un rapporto duraturo. (DS9: “Blood Oath”)

Gorkon – 2293

La situazione cambiò bruscamente con l’esplosione della luna Klingon Praxis nel 2293.
Il disastro causò gravi problemi all’economia e all’esercito Klingon, nonché una grave crisi ecologica sulla stessa Qo’noS.
Il Cancelliere dell’Alto Consiglio Klingon, Gorkon, prese la controversa mossa di proporre un trattato di pace completo e stabilire un processo per smantellare le fortificazioni militari e gli avamposti lungo il loro confine reciproco: le postazioni militari e le navi da guerra che i Klingon non potevano più permettersi.

Tuttavia, la pace non è arrivata facilmente. Durante un incontro con il presidente della Federazione sulla Terra, Gorkon fu assassinato da due membri dell’equipaggio dell’Enterprise-A che facevano parte di una vasta cospirazione contraria a qualsiasi trattato di pace tra i due nemici e che includeva membri di entrambe le parti, come l’ammiraglio Cartwright e il generale Chang, nonché l’ambasciatore romulano Nanclus.
La figlia di Gorkon, Azetbur, fu nominata nuovo cancelliere al posto di suo padre.
Nonostante l’enorme pressione dei suoi consiglieri per abbandonare l’iniziativa di pace, scelse di andare avanti e vedere realizzata la visione di suo padre.

La successiva Conferenza di Khitomer portò alla firma degli Accordi di Khitomer, un trattato che divenne la base per la pace tra la Federazione e l’Impero Klingon. Per i Romulani, d’altro canto, sarebbe diventato un motivo determinante per i prossimi decenni cambiare l’equilibrio del potere sabotando questa pace. (Star Trek VI: The Undiscovered Country; TNG: “Reunion”, “The Mind’s Eye”)

agg. 22/12/2021

Tutto il testo è disponibile sotto i termini di Licenza Creative Commons BY-NC
Credits di questa sezione Memory Alpha - Copyright
Traduzione Italiana: Italian KlinZha Society