Star Trek: Picard – 2×04

Star Trek: Picard – 2×04

di Alessio Candeloro

Star Trek: Picard – 2×04

Eccomi con voi a parlare dell’episodio 2×04 “Watcher”.
Ho trovato l’episodio molto in linea con i precedenti. Insomma, mi è piaciuto. Anche se 2 cose mi hanno fatto storcere un po’ il naso. Ma, e c’è sempre un ma, se per una delle due ho immaginato una teoria, per l’altra invece ci trovo un errore di fondo.
Partiamo dalla seconda.
Laris.
La bella romulana, innamorata di Picard viene lasciata in Francia da un Jean-Luc che segue in fretta e furia l’ammiraglio per andare nello spazio.
Nella linea temporale della Confederazione ci viene detto che Laris era una ribelle romulana uccisa.
E ora, nel 2024, ce la ritroviamo deromulanizzata (senza orecchie a punta) nei panni dell’Osservatore. E con dei poteri. Può controllare la mente e il corpo degli umani e aprire portali.
Probabilmente tutto grazie a una tecnologia che ci verrà spiegata più avanti.
Come è possibile?
Io ho formulato questa ipotesi:
Come Picard & Co. vengono portati nella linea temporale della Confederazione ricordando chi sono, anche lei viene portata in qualche punto del tempo. Ora non sappiamo (credo lo scopriremo nel prossimo episodio) se anche lei con i suoi ricordi oppure no. Da come ha aperto il portale, con il quale è sparita con Picard, mi ha fatto tornare alla mente Gary Seven, il misterioso personaggio della TOS (di cui si voleva fare uno spin-off) che controllava il tempo e sistemava le eventuali intrusioni nel continuum.
Farà parte anche Laris (che nel 2024 ed essendo umana avrà un altro nome?) di quella organizzazione? Chi lo sa. Ma sarebbe una bella trovata.
L’altra cosa che mi ha fatto storcere il naso è stata Guinan.
L’attrice mi è piaciuta anche. Visto ciò che dice Picard nel primo episodio si capisce anche il diverso aspetto nel 2024. Però il fatto che non si conoscano non mi piace molto. In questi giorni è stata data una spiegazione che, a mio modo di vedere, è un po’ troppo tirata. La vedo come se qualcuno avesse ricevuto l’incarico di riguardarsi gli episodi di TNG con Guinan ma si dimentica di vedere “Un mistero dal passato”.
La spiegazione proposta dice che i nostri eroi sono tornati indietro nel passato della linea alterata. Quindi gli eventi dell’episodio di TNG non sono mai avvenuti. Per quello che Guinan non riconosce Picard.
Però poi è sorpresa quando sente il suo nome. Quindi lo conosci. Boh🤔
Trovo questa spiegazione fallace per due ragioni:
1) la regina borg dice che il punto di divergenza è il 2024 (e scopriamo che sarà il 15 aprile) quindi, a rigor di logica, tutto ciò che accade prima è uguale per entrambi gli Universi. Quindi Picard e Guinan si sono incontrati alla fine Dell 1800. E Guinan nel 2×01 di Picard, come nell’episodio di TNG, gli dice una frase tipo: “Quello che cerchi non è qui e nello spazio”. Proprio a fargli capire che le risdposte ci sono. Dove lui non crede possano essere.
Poi c’è Q. Che sembra aver perso i poteri. Intervento del Continuum o la “malattia” si è aggravata?
La parte riguardante Rios, Sette e Raffi è la meno interessante. Anche se qualcuno mi deve spiegare come faccia Sette a saper guidare un veicolo del 21°secolo. Anche Archer lo guida in ENT ma, temporalmente è più vicino e poi T’pol legge sul tricorder le istruzioni.
Qui si ingrana la marcia e viaaaaaa!!
Nota a parte per Jurati. È inquietante vedere che ogni volta che viene inquadrata ha un riflesso verde (tipico borg) che le illumina il viso o il corpo. È non solo per la vicinanza alla Regina. Sempre più convinto che lei sia la regina mascherata vista nel primo episodio.
Altresì è stato interessante vedere il riferimento a Roykirk (inventore di Nomad) e l’antenata di Picard, Renée, che legge le storie di Dickson Hill sorseggiando un tè. Magari Earl Grey. Caldo.
Che ruolo avrà in tutta la storia?
Lo scopriremo. Anche se io mi sono fatto una idea. Ve ne parlerò più avanti.
Ci sentiamo al prossimo episodio 😊🖖😊🖖😊🖖
Star Trek: Discovery – 4×13

Star Trek: Discovery – 4×13

di Alessio Candeloro

Discovery 4×13

Ed eccomi (con notevole ritardo, ahimè lo so) a parlarvi dell’episodio 4×13 “Coming Home”.
Episodio conclusivo di questa stagione che risolve la questione della 10c ponendo, nel contempo, le basi per il rientro di alcuni pianeti storici nella Federazione. Uno su tutti (ovviamente sono di parte), la Terra.
Finalmente l’amore tra Saru e T’Rina è sbocciato. E il termine calza a pennello visto che lui le dona il fiore più prezioso del suo giardino….sento le vostre risatine e battute, maliziosi che non siete altro. 😂😂
Per qualche minuto abbiamo creduto che Book e Tarka fossero morti. Uno nel teletrasporto non andato a buon fine e l’altro nell’esplosione della nave di Book. E invece scopriamo che la 10c ha salvato Book immagazinando (letteralmente) il segnale del teletrasporto. Tarka ha provato ad usare il suo teletrasporto dimensionale ma non ci è stato fatto vedere se è riuscito a fuggire. Chi lo sa.
Devo dire che, rispetto al solito, alla morte di Book, Burnham si comporta da vero capitano della Flotta. Mi ha ricordato Kirk alla morte di Edith Keeler. Soffri. Mostralo per alcuni secondi. Ma poi fai il tuo dovere.
Ovviamente gioia immensa quando lui ricompare.
Io, e qui credo di andare controcorrente, avrei fatto morire davvero il personaggio di Book. Anche perché la punizione per ciò che ha fatto con Tarka è veramente blanda. Cioè, praticamente dei servizi sociali interplanetari. Nemmeno qualche anno di galera. Boh.
Nel complesso un episodio molto godibile, con ottime scene di interazione tra personaggi. Come per esempio tra Tilly e i cadetti e tra Tilly e l’ammiraglio “brizzolato” Vance.
L’unica cosa che mi ha convinto poco è stata l’enorme facilità con cui Book convince la 10c a fare come vuole lui.
Richiamare L’A.M.O.
Non solo spostarla ma non usarla più
Abbassare l’ipercampo
Fidarsi di altre specie.
Cioè, fino a 10 minuti prima la 10c non aveva capito che i nostri eroi fossero una specie intelligente e superiore, per 1000 anni ti sei chiuso in un guscio iperprotettivo e adesso ti bastano 2 minuti di conversazione con una persona per farti convincere a cambiare il tuo modo di vivere? Va beh.
Comunque, la chiusura di questo episodio, mi ha dato l’impressione più di un finale di serie che di stagione. Nessun cliffhanger a fine episodio, quindi mi aspetto una stagione 5 più tranquilla. Almeno all’inizio. E se poi ci sarà l’ennesima anomalia, allora sarò sicuro che è la Discovery e il suo equipaggio a portare sfiga😂😂😂
Posso dire che questa stagione mi è piaciuta molto più di quello che mi aspettassi e quindi ne sono rimasto sorpreso. Per ora archiviamo questa serie.
Ci sentiamo al primo Disco-episodio della quinta stagione. 😊🖖😊🖖
Star Trek: Picard – 2×03

Star Trek: Picard – 2×03

di Alessio Candeloro

Star Trek: Picard – 2×03

Eccomi a voi per parlare dell’episodio 4×03 “Assimilation”.
Una puntata, come le chiamo io, di transizione. Ci viene presentata la Los Angeles del 2024 sull’onda della San Francisco del 2024 vista in DS9. Qui, però, ci vengono mostrati dei luoghi visti nell’episodio in due parti di VOY “Futuro anteriore” dove Janeway e i suoi viaggiano fino al 1996.
L’episodio non ha la stessa tensione dei primi due ma riserva qualche chicca.
Il cartello con la scritta “Asilo distrettuale”
La pubblicità su un palazzo della missione interplanetaria “Europa” con la scritta “to bodly go” 😊😊
Riferimenti a degli autori di fumetti Trek che hanno scritto storie sull’universo dello Specchio.
Come nei più classici degli episodi, il teletrasporto fa le bizze e dopo aver teletrasportato un po’ a caso Sette e Musiker, fa il disastro con Rios, materializzandolo a mezz’aria a qualche metro di altezza. Ovviamente si ferisce alla testa (io sarei ancora oggi sul marciapiede svenuto) e viene portato in una clinica che offre, alle persone senza cartellino di identificazione (altro rimando all’episodio di DS9), cure senza chiedere spiegazioni. Ovviamente perde il comunicatore che, dopo una serie di eventi, viene lasciato nella clinica mentre lui e la bella dottoressa che lo cura, vengono arrestati.
Jurati e Picard restano sulla nave cercando di “ricaricare” la regina borg. Idea geniale di Jurati è quella di farsi “parzialmente assimilare” mentre entra nella mente della regina per curarla. Alla fine sembra che il piano funzioni e che, addirittura, Jurati riesca a rubare delle informazioni (tra le quali una importantissima di cui lei non riesce bene a ricordare cosa fosse) dalla mente della borg.
Ora, però, abbiamo le coordinate dell’osservatore.
Ma chi sarà mai? E perché dovrebbe aiutare i nostri eroi?
I casi, per me sono due.
1) è un personaggio che viene circuito da Q per cambiare la storia (senza che gli venga detto ovviamente), poi capisce il danno che sta causando e si ferma aiutando Picard & Co.
2) è un personaggio che Picard ha già incontrato nella sua vita. Sensibile ai cambiamenti del tempo. Come Guinan, Sisko (dopo aver studiato coi Profeti) o Wesley Crusher durante il suo vagare col Viaggiatore.
Chi lo sa.
Una cosa curiosa, che mi ha fatto notare una amica, è che Q viene visto solo da Picard. Nella sala dei trofei con i teschi alieni, sulla nave cercando il modo di tornare indietro nel tempo. Mai nessuno che lo veda o lo senta. Allora mi sono detto: “E se Q non ci fosse? Se fosse solo un modo per la mente di Picard di elaborare la faccenda?
Vuoi vedere che la regina Borg con la maschera vista nel primo episodio non è altri che Jurati? Che spedisce Picard e gli altri indietro per impedire che lei faccia qualcosa nel passato (influenzata dalla regina borg con cui si è connessa) che danneggi la linea temporale. Nel complesso episodio godibile tranne per una cosa che non ho proprio capito: “Perché far morire Elnor?
Mancano, ovviamente, ancora dei tasselli importanti. Aspettiamo il prossimo episodio per vedere come si evolverà la storia.
Ci sentiamo al prossimo episodio 😊🖖😊🖖
Star Trek: Discovery – 4×12

Star Trek: Discovery – 4×12

di Alessio Candeloro

Discovery 4×12

Eccomi a parlare con voi dell’episodio 4×12 “Spieces Ten-C”.
Devo dire che è stato un episodio che ho apprezzato moltissimo. Il tentativo di comunicare da entrambe le parti è stata veramente una parte ben scritta. La matematica come linguaggio universale anche applicato ai feromoni e ai colori. Ottimo modo per imbastire una lingua di base oltre le parole o la classica lettura del pensiero. L’empatia dimostrata dalla specie 10c quando gli è stato comunicato che l’A.M.O. ci faceva paura è stato un momento davvero interessante. Sull’aspetto della specie intergalattica avrei immaginato un altro aspetto ma, alla fine, ci sono stati rappresentati come totalmente alieni rispetto a noi. Anche se nella fantascienza, alieni con queste sembianze, si sono già visti.
Ovviamente, uno o due passi avanti fatti dalla diplomazia, vengono rovinati da quel genio, simpaticone e menefreghista di Tarka. Ormai è chiaro a tutti (Book, Reno, equipaggio della Discovery, delegati, e persino a noi spettatori) che a lui della 10c, della Terra, di Ni’Var, degli altri pianeti e delle miliardi di esseri senzienti, non interessa assolutamente nulla. Lui vuole solo raggiungere l’altro universo e il suo amico. Il resto non ha importanza. E Book se ne accorge troppo tardi. E ne paga le conseguenze nonostante gli avvertimenti di Reno. Ora sembra che la 10c non si fidi più, giustamente dei nostri eroi. Ai loro occhi può sembrare che il tentativo diplomatico di comunicare fosse solo un diversivo. Il generale Ndoye dovrebbe essere degradata a soldato semplice e messa alla pulizia degli spurghi dei motori a impulso di una nave da carico automatizzata. Cioè, hai comunicato fino a 5 minuti prima a voce con Book e Tarka, e ora, nel momento più importante, ti fidi di un messaggino scritto. Ma chi ti ha promossa? Bah.
Invece, visto che l’episodio scorso ne ero rimasto perplesso, ho trovato molto ingegnoso il come abbiano giustificato il fatto che Zora non si fosse accorta della sparizione di Reno. Ovviamente io avrei messo il comunicatore dell’ingegnere dentro una consolle, in una paratia, in un contenitore per le spore, in tubo di jefferies adiacente alla sala macchine. Insomma in un posto dove non era possibile vederlo ma che avrebbe mandato i segnali sempre dall’ingegneria. Ma naturalmente il genio Tarka lo mette dove c’è una grata. Bisogna riconsiderare il termine “genio”.
Comunque ora abbiamo la specie 10c spaventata e arrabbiata, Tarka che si dirige alla fonte di energia per distruggere tutto e tutti in due galassie mentre lui se ne va in un altro universo e Reno che, grazie al suo ingegno (vedi Tarka cosa vuol dire essere geni?) usa la liquirizia per mandare un messaggio alla Discovery:
“Qui la situazione è tragica. Tarka è un pazzo. Fermate questa nave con ogni modo possibile”. Che sta a significare che lei e Book sono sacrificabili per la sopravvivenza di tutti.
Riuscirà Burnham (che nell’ultima immagine dopo il messaggio di Reno sembra che le si sia fermato il cuore con la stanza che le gira intorno) a seguire la logica e fare la cosa giusta? Il bene dei molti, varrà più di quello dei pochi, o di uno (Book)?
Lo scopriremo (ma vah!) nell’ultimo episodio. Io credo che, alla fine, saranno proprio le abilità telepatiche/sensoriali di Book (sentiva gli alberi della foresta sul pianeta di decathlon) a salvare la situazione e a far tornare la serenità con la 10c.
E speriamo che Tarka finisca in gattabuia, altro che realtà alternativa idilliaca.
Ci sentiamo al prossimo, ultimo Disco-episodio per questa stagione. 😊🖖
Star Trek: Picard – 2×02

Star Trek: Picard – 2×02

di Alessio Candeloro

Star Trek: Picard – 2×02

Beh, che dire. Parliamo oggi dell’episodio 2×02 “Penance”.
Meraviglioso credo sia il termine più adatto. Gli autori sono riusciti a creare una realtà alternativa forse ancora migliore, seppur nella sua spietata crudeltà e tragicità, dell’universo dello Specchio. In effetti, come ci è stato raccontato lo Specchio, non avremmo mai potuto vedere i personaggi di TNG nella versione Impero Terrestre visto che nel 24° secolo l’impero era già caduto. Ma, come ci ha insegnato l’episodio di TNG “Universi Paralleli”, esistono 285.000 (almeno) realtà alternative. Questi universi distopici a me piacciono sempre molto.
Stewart ha recitato alla grande. Riesce a far sentire benissimo i due Picard. Quello dell’universo Prime e, soprattutto, quello quando si cala nella parte del generale. Saldo, autoritario, un condottiero crudele che guida col pugno di ferro. Quando c’è stata la scena in cui urla: “Da me, soldato!” è stato sublime. Ma anche quando rivede la regina Borg traspare lo shock e rivediamo il Picard emotivamente scosso dell’episodio di TNG “Famiglie” e del film “Primo Contatto”. Voto a Stewart: 10 pieno.
La storia dell’episodio è molto buona, con scene che resteranno nella mente dei fan per molti anni. L’esposizione dei teschi nella sala in casa del Generale Picard, ci racconta una storia di terrore credo più terrificante dello Specchio. Mettere, con la grande esposizione verbale di Q, le storie di Dukat, Martok e Sarek è stato uno strizzare l’occhio ai vecchi fan (e far scoprire le altre serie ai nuovi fan instillando curiosità su questi personaggi), e presentarci la parte più oscura di Jean-Luc, specie sentendo il discorso olografico del Generale riprodotto dal nostro ammiraglio.
Ho trovato geniale l’idea di questa strana, improbabile e molto pericolosa, alleanza tra Picard e i suoi con la regina Borg. Sicuramente, ad un certo punto, cercherà di tradirli. Un conto è essere una grande minaccia in un universo, ma esserlo in due è ancora meglio. Specie se puoi viaggiare nel tempo (prima del primo contatto) e plasmare quel futuro a colpi di nanosonde e assimilazione.
Ora alcune cose che mi hanno incuriosito (spero anche a voi) e spero troveranno spiegazione nei prossimi episodi.
1) Q dice che è Dukat la ragione del corpo sintetico di Picard. Nel senso che li ha creati lui?
Se fosse così, vorrebbe dire che i Soong (da Arik ad Altan Inigo) non si sono occupati di androidi con cervello positronico. Allora di cosa?
2) A proposito dei Soong, vediamo a San Francisco una statua olografica di un certo Adam Soong. La posizione dell’immagine ricorda molto quella della statua di Zefram Cochrane eretta dopo il primo contatto con i Vulcaniani (Archer ne aveva una riproduzione in scala nel suo alloggio sulla NX-01). Che sia stato lui a stabilire il primo contatto? Che abbia cominciato, rubando la tecnologia ai vulcaniani, l’espansione della futura Confederazione?
3) Il punto di divergenza (quando Q altera la linea temporale), a detta della regina Borg, è il 2024.
In Star Trek spunta nuovamente questa data. 2024 è la stessa data (nei giorni tra il 30 agosto e il 03 settembre) in cui il comandante Sisko, il tenente Dax e il dottor Bashir vengono coinvolti nella “Rivolta di Bell” (dove Sisko prende il posto di Bell) a San Francisco. I due fatti si incroceranno visto che i nostri eroi, grazie alla regina Borg, andranno a Los Angeles?
4) Sembra che Q non stia bene. Lo nota Picard. Forse essersi invecchiato può aver accelerato una sorta di demenza senile del continuum? Magari era già presente in lui e adattarsi all’età di Picard (ovviamente in proporzione per un Q) può aver velocizzato il processo.
5) Chi sarà l’osservatore da trovare che ha bisogno di aiuto di cui parla la regina Borg?
Io voto per Laris. Anche se non so cosa ci faccia nel 2024.
6) il gatto olografico creato da Jurati in questo universo ci fa intendere che lei sia contro questa dittatura quindi immagino che i due personaggi (come Elnor che combatteva per la libertà) fossero molto simili.
Bellissimo sapere che il micio olografico si chiama Spot. Beh, Spot 73… Miao 🤣
Nel complesso ho trovato l’episodio fantastico, scritto bene quanto il primo, se non meglio. Sono curioso del prossimo, imminente viaggio nel tempo. Sperando che la ferita di Elnor a fine episodio, non sia fatale. Non credo l’abbiano fatto per evitare di far girare per Los Angeles un umanoide con le orecchie a punta.
Nel 1957 T’Mir (la bisnonna di T’Pol) girava per Carbon Creek (Pennsylvania).
Nel 1986 Spock girava per San Francisco.
Nel 1996 Tuvok girava per Los Angeles.
Nel 2004 T’Pol girava per Detroit.
Quindi, morirà o vedremo qualcuno con le orecchie a punta e il sangue verde nel 2024 girare per Los Angeles?
Staremo a vedere.
Ci sentiamo al prossimo episodio. 😊🖖
Star Trek: Picard 2×01

Star Trek: Picard 2×01

di Alessio Candeloro

Star Trek: Picard – 2×01

Jean-Luc Picard is back! Eccomi a parlare con voi dell’episodio 2×01 “Star Gazer”. Innanzitutto ho trovato meraviglioso il gioco di parole del titolo che ha una triplice valenza.
1) Ciò che gli diceva sua madre Yvette (che scopriamo solo ora, dopo 35 anni, 7 stagioni di TNG, 4 film, 1 stagione di PIC, essere stata oggetto di violenza domestica da parte del padre Maurice).
2) il nome della vecchia nave di Picard (il suo primo comando).
3) la nuova nave di Rios, tornato nella Flotta dopo gli eventi della prima stagione di PIC.
Questo primo episodio parte col botto, la tensione è sempre alta e, anche nei momenti più calmi, si resta incollati alla sedia. Rivedere Guinan è stato bellissimo (in quanto grande fan di TNG) e spero possa tornare visto che lei e la sua razza sono molto sensibili ai cambi temporali.
Ma che dire del nuovo incarico di Picard: “Cancellerie dell’Accademia della Flotta Stellare”. Come tale tiene un discorso ai nuovi cadetti, presentando il primo cadetto romulano (sangue puro) nella storia della Flotta: il suo pupillo Elnor. A quanto si capisce il titolo di Cancelliere, sostituisce quello che, fino alla fine del 24° secolo era il Sovrintendente. Come tale Picard vorrebbe aggiornare il test della Kobayashi Maru. Ma, come vediamo nell’episodio, viene “distratto” da una missione molto più importante.
Prima di addentrarci nella parte più succulenta della puntata vediamo che l’affascinante Laris, la governante/amica/confidente/e anche un po’ guardia di Picard, manifesta un profondo sentimento amoroso nei confronti del nostro ammiraglio. Dopo la morte del marito Zhaban c’è questa consuetudine romulana di onorare la vecchia storia d’amore amando più profondamente quella successiva. Ma Picard, a disagio come sempre quando si tratta di amore, diciamo che per ora declina la cosa. Ma secondo me, alla fine capitolerà. Comunque a metà episodio parte in missione e, devo essere onesto, mi è dispiaciuto che non abbia detto nulla a Laris, nemmeno lasciando un messaggio. Infatti si vede lei rientrare in casa e lui andare via. Spero che l’amore, alla fine, vinca. Vedremo.
Nella parte interessante della puntata vediamo questo squarcio nello spazio e la USS Stargazer del capitano Rios indaga. Intanto recupera Jurati, arriva Sette (sulla ex nave di Cristóbal), arriva Picard e, infine anche Musiker sulla nuova USS Excelsior (dove presta servizio anche Elnor). Dalla spaccatura spaziale (dai colori verdi, chi sarà mai?? 😂) spunta una nave a forma di….. Ehm… Asterisco?! 🤔 chiaramente Borg.
Picard apre un canale e i Borg dicono che vogliono…….la pace.
Interssante cambio di strategia.
Sette non gli crede, Picard è speranzoso e possibilista, Rios è cauto ma pronto a sparare ai Borg.
La collettività dice che invierà un rappresentante: la loro Regina.
Rios dice di non teletrasportare nessuno ma loro lo ignorano e mandano una figura (che ricorda un po’ Darth Vader al femminile) sulla plancia, la quale comincia ad utilizzare delle estremità allungabili che si inseriscono nelle consolle della nave e cominciano a prendere il controllo non solo della Stargazer, ma dell’intera flotta federale riunita a quelle coordinate perché costruita in parte con tecnologia Borg (gli esperimenti compiuti sul cubo della prima stagione con gli ex-B)
E meno male che volevano la pace.
Picard fa l’ultima e unica cosa possibile.
Attiva l’autodistruzione.
Ma prima che tutto esploda la Regina (siamo sicuri?) gli dice, come gli diceva sua madre: “Alza lo sguardo”.
Tutto esplode. Tutti morti.
Ma stranamente Picard si risveglia nella sua tenuta in Francia. Il cielo è diverso, come se ci fosse una griglia di energia che avvolge l’intero pianeta. Lui è vestito diversamente e si accorge di avere un badge completamente diverso. Comincia a girare per casa, chiamando Laris, ma spunta un sintetico che asserisce di essere il governante. Mentre il nostro eroe disperato, cerca di capire cosa succede, una voce fuori campo gli fa alzare gli occhi. Gli dice quanto è invecchiato e, con uno schiocco di dita, si invecchia anche lui per adattarsi.
Il mitico Q è tornato! Con una frase che fa ben sperare noi fan e tremare Jean-Luc: “Gli esami non finiscono mai.
Allora, diciamo che se la serie tiene questo ritmo e tutti gli episodi sono stati scritti altrettanto bene, possiamo aspettarci una stagione di altissimo livello. Io credo che (visto ciò che è stato annunciato sulla prossima stagione) questa seconda e la prossima terza stagione saranno unite, a formare come una sola storia che vedrà la conclusione alla fine della terza. Ma è troppo presto per dirlo.
Mi sono piaciuti un sacco tutti i riferimenti alle scorse serie (i pannelli con le navi delle serie passate, la voce fuori campo che ordina al professor O’Brien di presentarsi a rapporto in aula magna, il libro che Picard dona a Elnor scritto da Spock), la navi viste in questo episodio mi hanno fatto venire voglia di averle in modellino (Forza Eaglemoss, mettile in vendita al più presto 😊😊), le divise sono veramente belle, ecc.
Ora alcuni ragionamenti su un paio di cose.
1) Prima di recarsi in Accademia, Picard cerca il libro di Spock da portare con sé. Laris lo trova e glielo dà. Sul tavolo possiamo notare una stele. Quella è (e lo dico con sicurezza perché adoro la serie) la stele che Sisko rompe in un episodio di DS9. Picard la ricostruisce. Ma perché? Come l’ha avuta? Vero che lui è un patito di archeologia e di xenoarcheologia, ma come mai gli autori, per ben due volte (nel trailer e nel primo episodio) ce lo mostrano?
Che sia il preludio al ritorno del Sisko?
In effetti per i Profeti (e Sisko è mezzo Profeta) il tempo non ha importanza, e se non lo avessero anche i diversi Universi?
Io incrocio le dita e che il Sisko ritorni per aiutare i nostri eroi.
2) I Borg, il loro comportamento e la loro Regina.
Tutto molto strano. Il messaggio. L’aspetto fisico della Regina, le sue parole prima dell’esplosione, la forma della nave.
Qui gatta ci cova. Potrebbe essere stato Q che, sotto le mentite spoglie della Regina col nuovo look, persegue i suoi scopi. Come fece nell’episodio di VOY “Q2” quando si trasformò in un comandante Chokuzano per dare una lezione di umiltà a suo figlio. Ma che senso avrebbe poi presentarsi a Picard con le solite sembianze? (bellissimo vederlo giovane e poi adeguarsi all’invecchiamento di Picard con il solito schiocco di dita).
E se invece lo avesse salvato semplicemente per fargli vedere un nuovo modo di affrontare la situazione Borg? Per poi portarlo, a fine stagione, nel suo universo e nel suo tempo per risolvere tutto.
Resta sempre il fatto di capire come mai la Regina Borg abbia usato le parole di sua madre.
Quesiti che spero troveranno una risposta.
Per adesso direi che come prima puntata della nuova stagione, sono molto molto molto soddisfatto. Spero continui così.
Ci vediamo al prossimo episodio. Attivare!