Wild Cards. Le origini

Wild Cards. Le origini

Titolo originale:
Wild Cards

Lingua originale: inglese
1° ed ORIGINALE.: 1987
1° ed. ITALIANA : 2010
Autore: AA.VV, a cura di George R. R. Martin
Editore IT: Rizzoli, Mondadori

di Gabriele Manenti

“Wild Cards” è il primo libro di una serie fantascientifica curata da George R. R. Martin che, grazie ad altri autori negli anni successivi alla prima uscita, si è andata via via arricchendo.
Si tratta di una serie piuttosto originale; pur essendo ambientata, infatti, in un unico contesto, prevede che quasi ogni libro sia scritto da più autori contemporaneamente. Le storie vengono sviluppate nel corso di un solo volume oppure sviluppate ed intrecciate con altre storie su più volumi. In alcuni casi ci sono più autori che narrano una unica storia, a volte come un insieme di racconti. Il primo libro “Wild Cards. L’Origine”, che fa parte di un arco narrativo che si sviluppa in 3 volumi, contiene le vicende che illustrano il contesto in cui si svolge la tutta la narrazione, vi è una introduzione dei personaggi e si avviano le storyline che si svilupperanno nei libri seguenti.
Il contesto è quello dell’immediato dopo guerra (seconda guerra mondiale) dove un’astronave aliena atterra sulla terra con un ambasciatore di pace che annuncia una catastrofe imminente, il rilascio di un virus particolare da parte di suoi concittadini nell’ambito di un enorme esperimento dove gli umani sono delle semplici cavie. Come da copione il gas venefico viene rilasciato e riscrive totalmente il DNA umano con conseguenze catastrofiche e non… molti esseri umani vengono uccisi, altri rimangono tremendamente sfigurati e una piccola minoranza riceve in dono dei super poteri che in questo mondo alternativo contribuiscono a formare soldati, attori e celebrità varie.
Ci sono anche ampi riferimenti a personaggi reali o reali-ma-alternativi (McCarthy, Kennedy, Nixon, Fidel Castro, Mick Jagger, Jimmy Carter, George W. Bush e altri).
“Wild Cards. L’Origine” può essere considerato come una sorta di antologia introduttiva che copre il periodo che va dalla diffusione del Virus Wild Card, il 1946, ai primi anni ’80.. •

pubblicato su Fantazone n° 17 – marzo 2011

L’ultima spiaggia

L’ultima spiaggia

Titolo originale:
On the beach

Lingua originale: inglese

1° ed ORIGINALE.: 1957

1° ed. ITALIANA : 1959

Autore: Nevil Shute

Editore IT: Sugar Editore

di Siro Sanvito

Se alla maggioranza degli appassionati di fantascienza legati a questo genere si dovesse chiedere quale autore è responsabile di questa scelta risponderebbe Asimov, Heinlein, Dick, Verne o qualcun altro che mi sfugge. Il sottoscritto all’età di 12 anni si è appassionato al genere leggendo “L’Ultima spiaggia” romanzo di Nevil Shute scritto nell’ormai lontano  1957, la prima edizione italiana è del 1959. Vabbè la maggioranza non saprà neanche di cosa sto parlando ma vi assicuro che uscendo dal mondo di Sandokan e le sue tigri leggere questo libro è stata una folgorazione.

La terza guerra mondiale ha devastato l’emisfero settentrionale del pianeta. La guerra è stata scatenata dalle piccole potenze atomiche (Albania ed Egitto) che hanno provocato la reazione delle superpotenze. Gli ultimi sopravvissuti sono confinati nell’emisfero australe, in Argentina, Cile, Sudafrica, Australia e Nuova Zelanda, ma il tempo loro rimasto è breve. Il fallout radioattivo sta lentamente scendendo da nord, uccidendo qualsiasi essere vivente, in breve tempo la Terra sarà deserta.
Il governo ha distribuito delle pillole agli abitanti per affrettare la morte quando le sofferenze da radiazioni diventano insopportabili. Un’atmosfera di rassegnazione regna sugli ultimi mesi dell’umanità. Una dopo l’altra le città australiane soccombono alla nube radioattiva e le persone cercano di passare questo periodo come se tutto fosse normale.
Il Tenente Holmes della Regia Marina Australiana ben conscio della fine vicina tenta in tutti i modi di passare il poco tempo rimasto vicino alla moglie e alla figlia, partecipando al “Gran Premio d’Australia” con una Ferrari rossa fiammante dove tutti i concorrenti corrono letteralmente incontro alla morte, preferendo questa fine a quella fra atroci sofferenze dovute all’inquinamento da radiazioni.
I tentativi di normalità sono però vani quando gli viene ordinato di salpare assieme al capitano Dwight Towers, comandante a bordo sottomarino americano Scorpion, rifugiatosi nel porto di Melbourne dopo la fine della guerra.
Sono inviati in missione negli Stati Uniti da dove proviene un misterioso segnale, che farebbe pensare ad alcuni sopravvissuti. Towers è legato a una giovane donna, Moira Davidson, con cui vivrà una breve ma platonica storia d’amore, rimanendo fedele alla moglie e alla famiglia perduta in America.
La missione è fallimentare, negli Stati Uniti nessuno è rimasto in vita, il misterioso segnale è automatico, Holmes e Tower tornano a Melbourne dove le persone iniziano a soffrire per le radiazioni in aumento.
Towers decide di portare il suo sottomarino fuori delle acque territoriali australiane per affondare con il suo equipaggio, Holmes attenderà la fine accanto alla sua famiglia. Moira Davidson vedrà sparire il sottomarino all’orizzonte dopo di che deciderà di prendere la usa pillola e di morire con un ultimo sorso di cognac.

In questo riassunto del romanzo è difficile trasporre il rapporto dolce amaro tra i personaggi che l’autore è riuscito a creare, quel velo di tristezza che ammanta tutto anche quei momenti di serenità creati artificialmente nei vari momenti del libro. Una virgola un accento nel posto giusto e l’autore non fa mai dimenticare al lettore la tragedia di un mondo che sta morendo, impoverendosi di tutte le forme di vita che lo abitano e tutto ciò solo per fame di potere.

Dal romanzo sono stati tratti due film, di cui uno per la tv:
Il primo: L’ultima spiaggia (On the Beach) del 1959 diretto da Stanley Kramer, interpretato da Gregory Peck, Anthony Perkins, Fred Astaire e Ava Gardner.
Il secondo: L’ultima spiaggia (On the Beach) è un film per la TV del 2000 diretto da Russell Mulcahy, remake del film omonimo del 1959 diretto da Stanley Kramer.
Di quest’ultimo, prima di questa ricerca, non conoscevo la sua esistenza, posso scrivervi due righe sul primo di cui ho ancora vividi ricordi; l’atmosfera surreale del romanzo è trasferita sulla pellicola in maniera semplicemente stupenda il finale cambia leggermente ma non per questo rimane meno tragico.
Il film ha ricevuto due candidature ai Premi Oscar 1960 e ha vinto il Golden Globe per la migliore colonna sonora originale.
Nel 1959 il National Board of Review of Motion Pictures l’ha inserito nella lista dei migliori dieci film dell’anno.

pubblicato su Fantazone n° 30 – marzo 2015

Flash Forward

Flash Forward

di Michela Barotto

Flash Forward, il romanzo

Cosa fareste se poteste vedere il vostro futuro?

Se vi capitasse di sbirciare avanti nel tempo e vivere 1 minuto e 43 secondi della vostra vita fra 20 anni o più?

Sarebbe veramente il futuro destinato ad accadere o solamente un ipotetico futuro possibile?

Lo scrittore Robert J. Sawyer ha scelto proprio questo tipo di evento per dare vita al suo romanzo dal titolo “Flash Forward – Avanti nel tempo”. Il romanzo viene pubblicato nel 1999, in Italia è edito da Fanucci Editore nel 2000 e ripubblicato nella collana TIF Extra nel 2009.

La storia è ambientata a Ginevra, presso i laboratori del CERN, ma ovviamente gli eventi straordinari che si presentano coinvolgono l’intero pianeta.
Nell’aprile del 2009, in un normalissimo giorno come qualunque altro per il mondo intero, accade un evento di portata mondiale, totalmente imprevedibile e dalle conseguenze catastrofiche: l’intera popolazione mondiale perde improvvisamente conoscenza per 1 minuto e 43 secondi.
Al risveglio lo scenario che si presenta agli occhi dei sopravvissuti è confuso, inspiegabile ma appare fin da subito molto grave. Chi si trovava in situazioni di sicurezza ha rimediato contusioni, fratture o lesioni più o meno gravi, per via della caduta dovuta alla perdita di coscienza. Con il passare delle ore, nel tentativo di dare un senso all’accaduto raccogliendo maggiori informazioni possibili si delinea la reale portata di quanto successo: aerei senza controllo in fase di atterraggio o decollo si sono schiantati inesorabilmente, così come treni, navi e traghetti, autobus.
Migliaia di incidenti stradali hanno causato la morte di decine di migliaia di persone. Tantissimi altri eventi hanno provocato morte e danni inimmaginabili. Ed è accaduto in tutto il mondo.
I reali protagonisti del racconto sono un gruppo di ricercatori del CERN che nel momento in cui si è verificato l’evento, definito “flash forward”, erano alle prese con un importante esperimento. Quasi subito si fa strada in loro il sospetto che la causa del flash forward sia proprio il loro esperimento nell’LHC del CERN, iniziato nel momento esatto in cui la popolazione mondiale ha perso conoscenza. Ma confermare o smentire questa teoria diventa impossibile, visto che nessuno riesce ad capire come è accaduto.
Durante il minuto e 43 secondi di incoscienza, ogni persona ha vissuto altrettanto tempo di quello che pare essere il futuro, a distanza di circa 20 anni. Ognuno ha potuto dare un’occhiata al proprio futuro o ad un possibile futuro? Quali conseguenze può portare una rivelazione del genere? Veramente il nostro destino è già scritto e non possiamo fare nulla per cambiarlo? Il “libero arbitrio” è un’illusione?

Questi sono i quesiti affrontati dall’autore, con cui devono fare i conti i protagonisti del romanzo.
Tesi scientifiche e ricerca si intrecciano con le storie personali dei ricercatori stessi, colpiti dal flash forward a volte in maniera drammatica; alcuni hanno perso familiari e parenti, altri hanno visto un futuro molto diverso dal loro presente, altri ancora non hanno visto nulla, segno forse che fra 20 anni saranno già morti.
Alla ricerca delle cause dell’evento, affrontano i propri drammi personali. La mente scientifica di un ricercatore non può accettare che il proprio destino sia già definito, l’uomo moderno ha la convinzione che ognuno determini il proprio futuro. Parallelamente alla ricerca scientifica prende vita anche un progetto di indagine definito “Mosaico”, organizzato dagli stessi ricercatori con lo scopo di delineare quanto più possibile come il mondo e la società si siano evoluti nel futuro, in “questo” futuro specifico. Raccogliendo dichiarazioni e testimonianze si compone un complesso intreccio di storie e informazioni, coerenti tra di loro e plausibili.
Scopriamo per esempio che:

  • il Quebec fa ancora parte del Canada
  • in Inghilterra non c’è più la monarchia
  • l’uomo non ha ancora messo piede su Marte
  • i colori di moda nel 2030 sono il giallo pallido e l’arancio bruciato
  • il buco nell’ozono si è notevolmente ampliato
  • le balene si sono estinte
  • è stata trovata la cura per l’AIDS
  • Bill Gates ha perso la sua fortuna e Microsoft è finita in bancarotta
  • la Pepsi ha vinto la guerra delle cola
  • l’India ha stabilito la prima base permanente sulla Luna

…e, cosa molto importante, George Lucas non ha ancora completato la sua epopea in nove parti di Star Wars!

L’autore spiega così come nasce l’idea del romanzo:

Nel 1975, quand’ero al decimo grado scolastico, ho fondato un club di appassionati di fantascienza delle superiori. Vent’anni dopo, nel 1975, abbiamo fatto una rimpatriata. Ci siamo stupiti di quanto le nostre vite abbiano preso strade diverse da quelle che ci aspettavamo. Vari membri del gruppo si erano sposati e avevano divorziato, e praticamente nessuno faceva il lavoro che allora si aspettava avrebbe fatto. Io progettavo di diventare un paleontologo; Ted vedeva davanti a sé una carriera di veterinario; Rick sarebbe stato un regista e Bruce un poliziotto. Vent’anni dopo, io sono uno scrittore di fantascienza, Ted è un programmatore, Rick un avvocato. E quello che voleva diventare poliziotto  è un chef molto quotato.Tutti noi diciamo sempre una cosa, riguardo ai nostri giorni di scuola: se  avessi saputo allora le cose che so adesso, avrei fatto cose molto migliori. Be’, uno scrittore di fantascienza non può sentire un commento del genere senza che gli venga la voglia di fare, in un certo senso, un esperimento al riguardo. È così che è nato il romanzo Flash Forward.La storia riguarda un esperimento del CERN, il centro europeo della fisica delle particelle, che va storto, e causa un balzo della coscienza di ogni abitante della Terra avanti di vent’anni per due minuti. In quel momento ognuno scopre come sarà la sua vita, la sua carriera, il suo matrimonio. Il romanzo descrive l’impatto che ha questa conoscenza sulle persone e sul mondo, nel bene e nel male. Naturalmente un balzo di solo due minuti può essere ambiguo in modo frustrante. Porteresti a compimento un matrimonio ora sapendo che tra vent’anni sarai sposato con qualcun altro? Saresti felice della nascita di tuo figlio sapenso che diventerà un delinquente?Come accade in molti miei romanzi, Flash Forward cerca di combinare un’idea sconvolgente con una storia molto umana. La fantascienza è proprio questo, secondo me: esaminare la condizione umana sotto circostanze del tutto nuove. È ciò che rende la fantascienza un genere tutt’altro che banale, e sempre affascinante da scrivere. (www.fantascienza.com – febbraio 2009)

Flash Forward, la serie tv

Paese: USA
Anno: 2009-2010
Stagioni: 1
Episodi: 22
Produttore: Brannon Braga, David S. Goyer, Marc Guggenheim, Jessika Goyer, Vince Gerardis, Ralph Vicinanza
Casa di produzione: HBO Entertainment, ABC Studios, Phantom Four Films
Trasmissione ITA: Fox, Italia 1

Interpreti e personaggi

Joseph Fiennes: Mark Benford
John Cho: Demetri Noh
Jack Davenport: Lloyd Simcoe
Dominic Monaghan: Simon Campos
Zachary Knighton: Bryce Varley

 

Peyton List: Nicole Kirby
Brían F. O’Byrne: Aaron Stark
Courtney B. Vance: Stan Wedeck
Sonya Walger: Olivia Benford
Christine Woods: Janis Hawk

Prodotta e trasmessa negli Stati Uniti dalla rete televisiva ABC nel 2009, la serie TV era stata inizialmente prevista per almeno 3 stagioni, ridotte poi a una stagione prima della cancellazione definitiva del programma.
Prodotta da Brannon Braga e David S. Goyer con la consulenza dello scrittore Robert J. Sawyer, autore anche della sceneggiatura di alcuni episodi.
Sono stati realizzati 22 episodi, l’ultimo dei quali in realtà lascia intuire un proseguimento introducendo una evoluzione della storia. La serie purtroppo va a far compagnia alle tante cancellate dalle reti di produzione senza concedere un vero e proprio finale agli spettatori.
La trama è ispirata al romanzo di Robert J. Sawyer, si basa sull’evento del Flash Forward ma le similitudini con il romanzo sono poche.
Niente CERN e niente ricercatori, la storia è ambientata in America, il protagonista principale è Mark Benford, agente speciale dell’FBI, che insieme alla sua squadra inizia ad indagare sull’evento, le sue cause e le conseguenze.
L’evolversi della storia accenna al progetto “Mosaico” per raccogliere informazioni e testimonianze, il flash forward è durato 2 minuti e 17 secondi (perchè 1 minuto e 43 secondi erano troppo pochi per la TV?) e il balzo nel futuro è stato di soli 6 mesi circa.
Anche qui si intrecciano drammi e storie personali con l’indagine investigativa, che ben presto porta a sospettare che l’evento sia stato appositamente causato, con quale intento non ci è dato sapere visto che hanno interrotto la serie prima di spiegare alcunchè.
Per essere la prima stagione però viene messa troppa carne al fuoco, la storia si ingarbuglia presto, alcuni episodi, più incentrati sulle vicende personali di alcuni personaggi, sono lenti e noiosi. La serie non decolla e il fatto che non abbia un finale scoraggia la visione.
Ho apprezzato il libro, anche se ha un finale un pochino poetico, quasi mistico. Mi è piaciuta meno la serie TV, che forse meritava qualche episodio in più per provare a dipanare la matassa di eventi, storie e personaggi.

pubblicato su Fantazone n° 20 – novembre 2011

Uomo al piano zero – Urania n° 596

Uomo al piano zero – Urania n° 596

Titolo originale:
Ground zero man

Lingua originale: inglese
1° ed ORIGINALE.: 1971
1° ed. ITALIANA : 1972
Autore: Bob Shaw
Copertina: Karel Thole
Editore IT: Mondadori

URANIA n° 596

di Giuliana Abbiati

Racconto un po’ datato ma con un’idea di base, a ben vedere, sempre attuale.
Se aveste l’opportunità di distruggere tutte le bombe atomiche – distruggere, proprio nel senso di farle saltare in aria – come vi comportereste?
Escludendo il lato economico o di puro potere personale e volendo utilizzare questa nuova arma con un unico intento umanitario, si avrebbe nelle proprie mani l’incredibile possibilità di eliminare tutti gli armamenti su tutta la terra mettendo così fine a ogni guerra e sottraendo il nucleare a tutte le nazioni.
Ma come fare? Uno dei grossi problemi di questa storia è riuscire ad accedere agli uomini importanti, a guadagnarsi la loro credibilità sia sulla esistenza che sull’effettivo potere di questa arma. Inoltre, bisognerebbe anche evitare che solamente uno dei paese interessati si guadagni l’utilizzo della stessa causando così un danno più grave del previsto.
In effetti è un racconto alquanto particolare, e nonostante siano passati quasi 50 anni dalla pubblicazione sarebbe una questione di difficile soluzione anche attualmente.
Il nostro inventore non è un pezzo grosso, non lavora per la CIA o altre società governative né conosce persone potenti; è semplicemente un matematico che riesce, attraverso una serie di calcoli, a concepire e quindi a costruire una macchina in grado di distruggere – volendo – tutte le bombe nucleari sulla terra. La sua idea fissa diventa così l’eliminazione di tutte le bombe in un colpo solo attraverso questa sua macchina, ma far detonare tutte insieme le centinaia di bombe atomiche in un solo momento creerebbe un disastro apocalittico. Per questo motivo il nostro matematico invia un ultimatum entro cui la nuova arma verrà messa in azione e, nel caso in cui, i governi non l’avessero preso sul serio egli farà esplodere i missili che nel frattempo non saranno stati smantellati facendo così danni inimmaginabili agli stati che non gli hanno creduto.
Egli non chiede soldi, non chiede fama, ma solo la pace nel mondo e, paradossalmente, se non starà ben attento o se non sarà abbastanza credibile, potrebbe commettere un disastro di proporzioni apocalittiche.
Sembra in effetti più una tematica dei “confini della realtà” e l’epilogo poco chiaro non aiuta di molto il lettore a capire la sviluppo del finale anche se, alla fine, dopo il trambusto, le corse, gli inseguimenti, i sotterfugi, le sparatorie, tutto quello che il matematico riuscirà a raggiungere, la fase finale del racconto sarà la creazione di un ulteriore dispositivo di sicurezza per evitare scherzi del genere in un prossimo futuro.
Tutto questo correre per niente? Beh, in realtà la domanda resta. Se a un uomo qualsiasi viene data la possibilità di cambiare il mondo, fino a che punto verrà ascoltato? •

pubblicato su Fantazone n° 42 – ottobre 2020

immagine di copertina by pixabay.com